domenica 8 marzo 2015

Pillole di ricordi : gli album dei calciatori Panini nei ridenti anni '80.

Volevo parlare d'altro visto che ho una sfilza di libri e di fumetti da recensire, ma poi stamane ho visto il figlio di un mio conoscente con delle figurine dei calciatori in mano e i ricordi sono sgorgati con impeto, chiedendo strada.

Perché stamane vedendo quel bambino aprire con foga ed entusiasmo la sua bustina, inevitabilmente si è finiti nel viale delle rimembranze a parlare della nostra infanzia, di quando negli anni '80 si comprava un pacchetto di figurine a 100 - 200 Lire e ci si passava il tempo a sfidarsi al gioco delle figurine, le cui regole pur sforzandoci per mezzora non siamo riusciti nemmeno a ricordare.
Raccontandoci di quando si usciva di casa con una miriade di figurine ripetute in tasca per poterle scambiare con quelle che ci mancavano o semplicemente per sfidarci a duello.
Dell'entusiasmo che si provava quando ci uscivano le figurine dei giocatori più forti come Maradona, Rummenigge, Zico o Platini, che sapevamo che scambiate sarebbero valse un fottio di figurine in cambio.
Insomma, ci siamo lasciati andare ad un malinconico flusso di ricordi.
Io personalmente ne ricordo anche molti altri che ho tenuto per me:
primo tra tutti il giorno in cui riuscii a completare il mio primo album.
Lo ricordo bene, l'unica a mancarmi era la figurina di Salvatore Bagni.
Quando all'apertura dell'ennesima bustina mi ritrovai davanti la sua faccia, rischiai uno shock anafilattico. :-p
L'anno successivo la stessa scena accadde con lo scudetto del Padova, che tanto mi fece penare quanto tanto mi fece esaltare quando me lo ritrovai davanti.
Tanto che dalla gioia mi feci correndo tutto il quartiere, strombazzando la notizia a chiunque mi conoscesse.
Lo so, mi esaltavo con poco ed ero anche un po' coglione, mi sa.
Un' altra delle mie strampalate imprese vede protagonisti me ed il mio migliore amico di allora.
Passeggiando per le viuzze del cortile di casa mia trovammo alcune banconote per terra, 7000 Lire circa.
Eravamo praticamente ricchi.
E come spendemmo questa fortuna?
In figurine, ovviamente.
Quel pomeriggio dovevamo vederci dopo la sua uscita dal doposcuola, ma tanto mi ribollirono quei soldi in tasca, che dalla frenesia non lo aspettai nemmeno ed andai a comprare uno scatolone di figurine da solo.
Ovviamente s'incazzò e litigammo pure, ma la tentazione era troppa e non riuscii a resistere.

È un peccato che di quegli album non ne abbia conservato nessuno, ma non sono mai stato famoso per la cura delle mie cose.
Probabilmente finirono dopo pochi giorni nel dimenticatoio ergo spazzatura, perché in quel periodo il desiderio era intenso quanto fuggevole, quindi si passava senza rimorsi subito ad altro.
L' album era una gioia effimera, ma a quanto pare non lo è il ricordo, devo dedurne.
Comunque probabilmente le figurine dei calciatori accomunavano tutti e di conseguenza sono certamente gli album che ricordo più con affetto, però non dimentico nemmeno tutti gli altri album che avrò comprato e in qualche caso abbandonato a metà.
Qualche esempio?
Ricordo sicuro quelli di Garfield, Kiss Me Licia, Lamù e Lupin, ma sono convinto ce ne fossero anche altri che non mi sovvengono.
Mi fa piacere comunque il fatto che almeno questa tradizione non si sia perduta e che continui ancora grazie ai figli dei bambini di ieri.

15 commenti:

  1. Nonostante mi tutto nei ricordi... io effettivamente non le ho mai fatte le figurine dei calciatori!
    Vedevo gli amici farle e poi mi regalavano i doppioni. ehhehe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari avessi avuto io amici così generosi, io al massimo per avere le loro figurine ripetute dove scambiarle o sfidarli. :-)

      Elimina
  2. Be' io non sono mai riuscita a completare un solo album! :D
    Però devo averne conservato qualcuno in vecchi scatoloni; ovviamente i miei album erano da femmine! Quanto mi piacevano le bustine ancora da aprire e l'ansia e la speranza di trovare le figurine mancanti! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cosa bella di quel periodo è che in effetti anche noi maschietti potevamo collezionare le figurine di Candy Candy, Heidi o Georgie, visto che non esistevano distinzioni in quanto guardavamo tutti indistintamente ( almeno nel cerchio delle mie amicizie) guardavamo le stesse cose.
      Grazie per la visita. :-)

      Elimina
  3. io ho sempre avuto un grandissimo amore per le figurine... ero per quelle di Sailor Moon però sempre panini

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ai tempi di Sailor Moon avevo superato la fase da maniaco delle figurine, però le prime due serie del cartone animato le seguivo con costanza e partecipazione. :-)

      Elimina
  4. Io ovviamente facevo quelle dei cartoon anni Novanta di Spider-Man e Batman !!! ;-)

    RispondiElimina
  5. Ero arrivato qui attirato da un post che scopro inesistente, e trovo questo che -colpa delle mie scorse assenza- non ho letto.
    Anche io ho in programma un post sugli album di figurine, non solo calciatori :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non vedo l'ora di leggerlo. ;-)
      Quel post fantasma è colpa del Tablet.
      Ci sto lavorando a spizzichi e bocconi da un po' di giorni, purtroppo a causa dello scarso tempo che ho a disposizione in questo periodo, si sta facendo attendere più del previsto.
      Spero di tornare in linea per questo week-end. :-)

      Elimina
    2. Io magari non vedo l'ora di leggere il post fantasma XD

      Moz-

      Elimina
  6. Mai attaccato una figurina dei calciatori sull'album: una figurina appiccicata era, almeno per me, una figurina buttata. Molto meglio giocarsele con gli amici. Al limite ci si poteva fare la "fisarmonica" della propria squadra (non so però se la "fisarmonica" fosse una cosa che si faceva solo dalle mie parti..)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti la fisarmonica mi è nuova, io al massimo attaccavo nella mia cameretta la figurina dei miei calciatori preferiti ( prevalentemente di Platini ).

      Elimina
    2. Praticamente le figurine della propria squadra venivano affiancate l’una all’altra e unite con lo scotch, per il lato lungo. Lo scopo era di portarsele sempre in tasca, come un talismano da srotolare con orgoglio ad ogni occasione.

      Elimina
    3. No, qui non era in voga, ma mi sarebbe piaciuto sfoggiarle, in effetti era un'ideona.:-)

      Elimina