mercoledì 11 novembre 2020

In zona rossa con Hemingway

 " Il fatto che un libro fosse tragico non mi rendeva infelice perché ero convinto che la vita è una tragedia e sapevo che può avere soltanto una fine. "

Addio alle armi - Ernest Hemingway



Ho preso questa frase da un libro in cui si potevano sottolinearne e farle proprie parecchie altre molto più belle e significative, perché ho notato una costante che a quanto pare quindi era voluta.

C'è una sorta di ineluttabilità inevitabile nei romanzi di Hemingway.

Ma non solo nei suoi, ma in quelli di molti altri grandi della letteratura, soprattutto di quella della prima metà del '900.

E' la tragedia a rendere grande un romanzo quindi?

Pensiamoci un attimo, molte delle più grandi storie letterarie non hanno quasi mai un lieto fine, e in tre dei quattro libri di Hemingway che ho letto, tutto ciò è praticamente una costante.

Ho sempre avuto il magone quando sono arrivato alla fine di un suo libro.

Eppure inizialmente alcune delle sue storie non mi sono arrivate subito.

Qui lo ammetto che alla prima lettura Fiesta ed Addio alle armi non mi erano piaciuti, mentre Per chi suona la campana ed Il vecchio e il mare li ho apprezzati all'istante.

Per quanto riguarda l'ultimo è facilmente intuibile il perché visto che è un romanzo piuttosto breve ed immediato, è quasi una parabola molto facilmente leggibile rispetto agli altri romanzi che hanno una struttura narrativa molto più corposa.

Ciò non toglie che Il vecchio e il mare sia una storia bellissima.

D'altronde è con questo piccolo testo che il buon Ernest ha vinto il premio Pulitzer e soltanto un anno dopo insignito con il Nobel della letteratura.



In queste settimane che sono coincise con l'entrata nella zona rossa della mia regione, Hemingway è stata una buona compagnia, e fortuna abbia voluto che nelle scorse settimane mi ero fatto una buona scorta di libri alle bancarelle dell'usato, dove per pochi Euro trovai delle vecchie copie di Fiesta e Addio alle armi.

Come ho scritto più su, ho apprezzato tantissimo la rilettura di questi due tomi, forse perché ero più tranquillo e rassegnato dal fatto di non poter uscire e quindi con un atteggiamento più concentrato, perché gli scritti di Hemingway hanno molti dialoghi ed hanno bisogno di una soglia alta di attenzione, ergo forse la prima volta ho sbagliato approccio.

C'è molto della sua vita in queste storie.

Ernest ha vissuto una vita molto vivida ed avventurosa, ed ha messo molte delle sue esperienze nei suoi romanzi, ed infatti i suoi personaggi risultano piuttosto vividi e suggestivi, anche nelle loro emozioni, che talvolta sfiorano un po' la meliosità, va anche detto.

Ma va bene così, visto che comunque i protagonisti di Fiesta e Addio alle armi sono uomini e donne piuttosto giovani.

Non sono qui per raccontare di questi romanzi, sarebbe inutile, visto che l'opera di Hemingway è stata pesata e giudicata dai più grandi critici dell'ultimo secolo, ed esistono numerosi saggi che parlano delle sue storie, ed io non ne sarei all'altezza, ma lasciatemi dire che nelle sue storie c'è tutto.

Dalle corride e alle fieste spagnole con le corse dei tori di Pamplona, alle montagne italiane della prima guerra mondiale, dagli amori al sesso, fino alla tragedia e alla morte.

D'altronde anche lui ha condiviso il destino di alcuni personaggi dei suoi romanzi, anche se nel suo caso è stato per morte scelta.

C'è un vecchio racconto del mio amatissimo Ray Bradbury in cui un uomo con una macchina del tempo prova a salvare la vita di molti scrittori vittime di morte violenta tra cui Hemingway.

Perché anche Ray, come me, come chissà quanti migliaia di altri, pensa che avrebbe ancora potuto regalarci delle opere immortali come queste.

Ma Ernest non la pensava così.

Non ricordo dove, tempo fa, lessi una delle sue ultime interviste, in cui affermò che lui sarebbe vissuto fin quando avrebbe avuto altre storie da scrivere e raccontare.

Comunque sono contento che esistano sue opere che io non ho ancora letto, e che quindi conto di reperire appena potrò, quindi per me, almeno narrativamente parlando, sarà ancora vivo.


" Nessun uomo è un'isola, completo in se stesso; ogni uomo è un pezzo del continente, una parte del tutto. Se anche una zolla venisse lavata via dal mare, l'Europa ne sarebbe diminuita, come se le mancasse un promontorio, come se venisse a mancare una dimora di amici tuoi, o la tua stessa casa. La morte di qualsiasi uomo mi sminuisce, perché io sono parte dell'umanità. e dunque non chiedere mai per chi suona la campana: essa suona per te."

John Donne


Alla prossima!




21 commenti:

  1. Pensa che a Cuba i posti dove lui andava come "La Boteguita del Medio" sono ancora in piedi e i locali utilizzano il suo nome per ipnotizzare i turisti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, mica fessi.
      Ormai la sua figura è praticamente immortale.

      Elimina
  2. Credo che tu debba leggere i 49 racconti allora: la sua summa stilistica. Ci metterei anche Di la dal fiume tra gli alberi, anche questo pervaso da un senso di disfatta come i romanzi che citi. Hemingway ha raccontato al meglio il suo tempo, in maniera oggettiva e senza fare troppo il "paraculo", fattore che gli ha permesso di avere i premi solo quando per la critica era più morto che vivo. Io sono infatti dell'opinione che Il vecchio e il mare sia soltanto un romanzo ruffiano, per quello che era Papa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il vecchio e il mare io l'ho adorato, ma è vero che è intriso un po' da un buonismo quasi da parabola che lo rende un romanzo fin troppo costruito.
      Sì, i 49 racconti erano in lista insieme a Morte nel pomeriggio, e li recupererò appena posso.

      Elimina
    2. Morte nel pomeriggio, però è un saggio sulle corride, non è un vero romanzo. Dimenticavo i Racconti di Nick Adams ma alcuni di essi sono presenti nei 49 racconti. Fiesta mobile e Un'estate pericolo sono deliziosi per chi ama Hemingway, ma sono quasi delle autobiografie, anzi lo sono a tutti gli effetti, non sono opere di finzione. a me piace molto anche Il giardino dell'Eden anche se postumo

      Elimina
    3. Ho preso nota di tutto, grazie Ferruccio!

      Elimina
  3. Anche io penso sempre che chi ci lascia prematuramente, poteva ancora darci molto.
    Ma poi vedo che l'eredità è già sempre enorme, grande, da leggere e rileggere.
    E allora...

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, sì.
      Finché ci sono loro opere...c'è vita.

      Elimina
  4. Gli acquisti al mercatino spesso regalano delle belle sorprese. Comunque hai ragione, Hemingway ha una prosa stupenda. Dovrei rileggere qualcosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me la rilettura delle sue opere è servita. :-)

      Elimina
  5. ddio alle armi è un capolavoro..
    lo lessi alle superiori, sicuramente non ero in grado di apprezzarne ogni sfumatura, ma il tema della guerra mi era comunque caro, per via delle mie passioni de andreiane e per la canzone "Tema del soldato eterno degli aironi" di Vecchioni, così il rifiuto di essa, quello che fa il protagonista, anche se il finale nichilista fu un colpo al cuore, ma d'altra parte non poteva che essere così...Il protagonista doveva essere destinato all'infelicità. D'altra parte la stessa canzone di Vecchioni riflette su quei temi, sul fatto che spesso la stessa donna diventi un'utopia che permette al soldato di resistere alla prova della guerra, o addirittura diventi, nel caso del protagonista del romanzo, un'evasione, un simbolo di fuga (un altro modo di resistenza).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. andrò ad ascoltare la canzone di Vecchioni.
      Narrativamente parlando Addio armi è veramente stupendo, ed in più pur essendo romanzesco, racconta moltissimo della prima guerra mondiale, paradossalmente in maniera più vivida e reale rispetto alla storia studiata a scuola.

      Elimina
  6. Madonna, quando ci stanno tanti dialoghi io mi perdo sempre. Non solo coi libri ma anche con fumetti, film e videogiochi. Sarà per il mio deficit d'attenzione...
    Non sapevo della sua vita avventurosa. Lo scrittore medio me lo immagino sempre come Jack Torrance, luogo sperduto e isolato a scrivere, pazzia a parte 😝

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Be' allora te, se permetti, consiglio Grande fiume dai due cuorim uno dei racconti più belli di Hemingway, una storia di una trentina di pagine senza un dialogo che ha come protagonista un ragazzo che va a pesca sulle rive di un fiume del Michigan. Racconto avventuroso ma di una profondità immensa

      Elimina
    2. Non so Ema, ma io ora questo racconto cercherà di procurarmelo.

      Elimina
  7. I libri senza lieto fine sono di sicuro più realistici. Vero, poi, che al mercatino dell'usato si fanno grandi affari con i classici. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero di poterci tornare presto e fare altri affari.
      Grazie, ricambio. :-)

      Elimina
  8. Il finale di questo libro ha spezzato sia la mia mente che il mio cuore. Comunque Hemingway salvò il mio bisnonno durante la battaglia del Piave, a quei tempi Ernest guidave le autoambulanze.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello!
      Indirettamente quindi tuo nonno è praticamente presente in questo romanzo in maniera romanzata. :-)

      Elimina
  9. Pare brutto parlare di lati positivi di una serrata in zona rossa, ma di certo Hemingway è un'ottima compagnia ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, sì.
      Mi sono goduto ogni attimo in sua compagnia. :-)

      Elimina