sabato 16 maggio 2015

Intervista Col Vampiro - Anne Rice

E' strano, ma io del film di Neil Jordan con Brad Pitt, Tom Cruise e Antonio Banderas, non conservo memoria storica.
Ho qualche fotogramma stampato in mente della pellicola, ma della trama non ricordo una benemerita.
La cosa mi perplime, perché in fondo il film mi era pure garbato.
Credo.
Leggere quindi il primo libro della serie de Le Cronache Dei Vampiri è stato come partire da zero ed è meglio così, poiché ho potuto concentrarmi soltanto sulla trama della Rice senza che vi si sovrapponesse nessuna delle scene del film.
Ma com'è stato il mio primo appuntamento con la Rice?
Positivo, dopotutto.
Ne vorrei volentieri un secondo.
Anzi, visto che parliamo di un'autrice piuttosto prolifica se sapeste consigliarmi qualche altro libro della suddetta ve ne sarei grato, poiché io non saprei quale prendere.
O meglio il finale di questo romanzo suggerisce una consequenzialità con tutti gli altri volumi della saga, ma non vorrei prenderlo a scatola chiusa, quindi sono ben accetti dei consigli.
Comunque, concentriamoci sul romanzo.
Andiamo di sinossi?
Andiamo.

"Una stanza buia. Un registratore acceso. Un giornalista. E un vampiro. Da quasi due secoli, ormai, Louis de Pointe du Lac non è più un uomo: è una creatura della notte, e ha tutta la notte a disposizione per convincere Daniel, il giornalista, che la storia che gli sta raccontando è vera. Così come è vero il suo volto, tanto pallido ed esangue da sembrare trasparente, di una bellezza soprannaturale e per sempre cristallizzata. Louis racconta di come abbia ricevuto il dono (o forse la maledizione?) della vita eterna proprio quando non desiderava altro che la morte. È il 1791, è un'altra New Orleans, e Louis, in seguito al suicidio dell'amatissimo fratello, vorrebbe soltanto seguirne il destino. Ma la seduzione del dono oscuro è potente, specialmente se ha i modi, la voce e l'aspetto di Lestat. Sensuale e affascinante, crudele e allo stesso tempo capace di profonda commozione, Lestat ha bisogno di Louis tanto quanto Louis ha bisogno di lui. Quando infine, dopo anni di scorribande notturne, Louis sta per decidersi ad abbandonare Lestat, questi gli fa il regalo più grande: Claudia. Una bambina di appena cinque anni, in fin di vita, che solo il dono oscuro può salvare. L"unico peccato che il sacrilego e irriverente Lestat non si può permettere: creare una vampira di soli cinque anni. Una vampira bambina, che non crescerà mai. E sarà l'inizio della fine. "



Che dire di quest'opera?
A parte la geniale idea di base, è da lodare l'incredibile spessore dei personaggi, tutti ben caratterizzati.
Certo parliamo di un romanzo che dal punto di vista dinamico non è un granché, ma lo spessore dei vampiri protagonisti ripaga di tutto.
Perché la bellezza della storia è tutta lì, nell'introspezione psicologica dei personaggi  che pur essendo dei vampiri immortali continuano ad avere desideri e sentimenti umani.
Disperazione, tormento, romanticismo, solitudine, c'è di tutto in questo romanzo.
C'è anche una forte componente bohémien.
È l'horror?
C'è anche quello, tranquilli.
Dopotutto si parla di vampiri ed in qualche modo dovranno pure nutrirsi, no?
Quantunque è palese che Anne Rice fosse più interessata ai loro pensieri e alle loro relazioni umane più che al loro nutrimento e alle scene d'azione, che comunque non mancano.
La Rice scrive bene, quantunque a volte ho trovato i dialoghi al limite dell'astruso e dell'inconcludente.
Ma è un problema mio, che spesso mal digerisco quei personaggi che si fanno pipponi assurdi per interi capitoli.
Questi Vampiri si fanno delle seghe mentali, che levati.
C'è da dire però che sono tremendamente affascinanti.
Louis, Lestat e Armand sono tre personaggi con i controcazzi, scritti davvero divinamente.
E che dire dell'inquietantissima vampira bambina Claudia?
Probabilmente il personaggio più bello del libro, certamente il più affascinante.
E' un libro complesso e non facile da digerire, visto che per la stragrande maggioranza dei capitoli si regge sui dialoghi e le interazioni tra i personaggi.
Però devo ammettere di essere stato sedotto ed affascinato dalla storia, tanto che come dicevo all'inizio mi ha invogliato al proseguimento.
Anne Rice rispetta tutti i crismi dell'iconografia classica del vampiro, aggiungendoci però un tocco personale.
Vampiri che non si nutrono solamente di essere umani ma anche di animali ( cosa giusta e sacrosanta che in molti romanzi non è mai stata accennata) e soprattutto viene meno il lato religioso e prettamente cattolico legato al vampirismo, cosa che ho apprezzato enormemente.
E' normale che nell'immaginario collettivo sia un archetipo legato fortemente alla religione cattolica, visto che parliamo principalmente di un archetipo figlio di miti nati nel continente europeo, ma non ho mai capito perché un vampiro dovesse temere la croce cattolica.
Come se fosse l'unica religione valida e riconosciuta.
E se fosse stato ateo?
Musulmano?
Indù? :-P
Ma lasciamo perdere queste mie menate.
Posso solo dire che personalmente è un libro che ho apprezzato e che mi sento di consigliare.
Certo, per gli amanti del gore e dell'azione questo romanzo non sarà il massimo della vita, ma per chi cerca una bella storia sui Vampiri, è quantomeno d'obbligo buttargli un occhio.
Personalmente continuo a preferire Dracula di Bram Stoker e Le Notti Di Salem di Stephen King, ma i vampiri raffinati, tormentati e bohémien della Rice sono un bel vedere  leggere.
Au Revoir.













18 commenti:

  1. Il film mi era piaciuto, sai? Però anche io ne ho un ricordo un po' nebuloso o.O
    La saga della Rice rientrerebbe tra i propositi di future letture... ad avere tempo :D L'atmosfera che descrivi è parecchio interessante e mi pare fosse tale anche nel film.
    Buona domenica!!! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo in due allora a non ricordarne un accidente. :-P
      Grazie della visita, buona domenica anche a te. :-)

      Elimina
  2. Io ne avevo appunto visto il film diversi anni fa e ricordo che la trasposizione non mi era affatto dispiaciuta!
    Trovavo questi vampiri molto eleganti ed ognuno con una personalità non solo ben distinta ma anche - per la me di allora - assolutamente poco stereotipata; non so adesso come lo troverei, dipende anche da come la storia scorre, ma tutto sommato il tuo resoconto riscontra le mie impressioni sul film, quindi non posso che aspettarmi une sito positivo se mi dovesse capitare di lggerlo! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, la bellezza del romanzo ( ed ipotizzo del film ) è tutta merito dello spessori dei personaggi, caratterizzati alla grande.
      Grazie della visita. ;-)

      Elimina
  3. Ti dirò: è un cult per la nostra generazione, forse più per i romanticoni gothic ante-litteram ma a me non ha mai esaltato più di tanto (parlo del film) Il libro non l'ho letto, conosco la Rice ma diciamo che non vado molto d'accordo col genere^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io del film non ricordo un'accidente, giuro.
      A me i vampiri piacciono, ma ciò che sono diventati adesso,no
      Quelli della Rice saranno dei vampiri pieni di pizzi, merletti ed imbellettati ma almeno non fanno i ragazzini a 200 anni e passa :-P

      Elimina
  4. Purtroppo non l'ho mai letto...
    Ma come tutti ho visto il film.
    Lo considero davvero coinvolgente, che strazia lo spettatore. Ti immedesimi in Drad Pitt XD ehehe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che immedesimarmi vorrei essere Brad Pitt. -P

      Elimina
  5. Dunque, la saga di Lestat il Vampiro continua per altri cinque \ sei romanzi. Io ti direi di continuare con
    "Scelti dalle Tenebre" e con "La regina dei Dannati" che sono i diretti seguiti di "Intervista".
    La rice è una scrittrice forse un po troppo barocca però rispetto a quelle che sono venute poi come la Meier almeno ha dimostrato di saper scrivere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho preso nota, anche se non so se riuscirei a reggerli entrambi, soprattutto se infarciti di dialoghi e seghe mentali come questo che ho letto.
      Però se li becco a poco in un mercatino li prendo entrambi sicuramente.

      Elimina
  6. Mi piacciono molto queste storie gotiche caro Pirkaf,( ma sai che non ricordo Banderas nel film, forse perchè per me proprio non esiste?) e ho letto qualcosa della Rice che mi è piaciuta molto come "L'ora delle streghe"( ne faccio pure collezione...)" Estasi" , che si stacca un pochino dagli altri suoi romanzi e "Il vampiro Marius"...
    Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'era.
      Credo interpretasse il vampiro Armand, dico che credo perché come ho affermato più volte del film ho dei ricordi piuttosto annebbiati.
      Una saluto anche a te. :-)

      Elimina
  7. mi turbò il film quando, da ragazzino, lo vidi...
    oggi ne conservo un ricordo tenero.
    il libro era carino, niente di trascendentale, ma io non sono una grande appassionata del genere

    RispondiElimina
  8. Il film a quanto pare è piaciuto a tutti.
    Piacque anche a me, solo che non ne ricordo praticamente nulla. :-)

    RispondiElimina
  9. Io mi ricordo che quando vidi il film pensai che la Rice avesse ucciso i vampiri. Questo però succedeva almeno dieci anni prima di Twilight. :(
    Del film ricordo una scena che mi era piaciuta parecchio, dove Lestat poteva finalmente vedere il sole andando al cinema. Quanto ai libri, la Rice non mi ha mai molto intrigato, la trovo eccessivamente commerciale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io penso che gli darò ancora qualche altra chance.
      Certo, un altro libro così intriso di dialoghi assurdi non so se lo reggerei, ma ammetto che tutto sommato Intervista Col Vampiro mi è piaciuto molto.
      La scena del film è molto evocativa, ma come dicevo nel post non ricordo praticamente nulla della pellicola se non dei fotogrammi sparuti.
      Di Twilight io conosco solo le compilation di videogiochi pirata per Pc, che venivano denominate così.
      Di vampiri che vanno a scuola e che scopano ne faccio volentieri a meno anch'io. :-P
      Grazie della visita. :-)

      Elimina
  10. Anch'io ho solo visto il film, e in effetti si rivelò una vera ventata d'aria fresca nel cinema vampiresco ! Lontano secoli dalle schifezze che stanno uscendo fuori in questi ultimi anni...!!! :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non posso che sottoscrivere. :-)

      Elimina