giovedì 24 aprile 2014

La superstizione è una gran rottura di palle.

Da adolescente credevo agli oroscopi.
Mi bevevo quello di Barbanera pubblicato quotidianamente sulla Gazzetta Del Sud, mi leggevo quello del Tv Sorrisi & Canzoni, e pensavo fosse vero che lo Scorpione ( il mio segno ) andasse più d' accordo con Toro, Pesci e Cancro e che stessi sul cazzo a coloro che erano Gemelli.
Allo stesso tempo, ricordo che camminai per qualche mese con un ciondolo talismano che doveva portarmi fortuna in amore ed avevo anche il mio oggetto feticcio che esibivo durante le partite a carte in famiglia durante il periodo di Natale:
Il Puffo Clown.
Gli avevo affibbiato anche un nome, Clementino.
Ero affascinato dai tarocchi e dalla cartomanzia e quando una zingara che bussò in casa mia chiedendomi la carità mi lesse la mano, ricordo che rimasi turbato da ciò che mi disse, anche se ad oggi non vedo nessun matrimonio contrastato nella mia vita, anzi a dirla tutta non c' è proprio nessun matrimonio. :-P
Diciamolo ( Dio, sembro La Russa ) che la superstizione è una gran rottura di palle.

E' una gran rottura di palle rischiare di tamponare o essere tamponato perché un gatto nero ha attraversato la strada del superstizioso /a di turno.

E' una gran rottura di palle quando per buona creanza regalo a qualcuno che me lo chiede un singolo spillo o un singolo ago, e questo / a mi guarda quasi schifato / a perché a loro dire porta male.
La prossima volta ve lo faccio pagare a prezzo intero e vaffanculo.

E' una gran rottura di palle sentire nel 2014 gente che combatte la iattura con il Cornetto Rosso portafortuna.
Credete davvero che un oggetto possa qualcosa contro il destino?
Se una cosa andrà male, andrà male indipendentemente se abbiate nuotato in una vasca piena di Cornetti Rossi o meno.

Poi, però ricordo i momenti passati a leggere l' oroscopo, oppure alle partite di Stoppa con Clementino al mio fianco e penso che sono stato una gran rottura di palle anch'io.
Chissà quanti sguardi di biasimo e di derisione, quando i miei parenti mi vedevano arrivare con il Puffo appresso.
E voi?
Credete ancora agli oroscopi, avete degli oggetti feticcio, oppure siete preda del demone della razionalità come il sottoscritto?

Ah, una volta una ragazza delle Seychelles mi fece fare una Macumba d' amore da sua madre, ma non andò a buon fine, mannaggia. 

8 commenti:

  1. Io credo che sia tutto umanissimo. E perciò bellissimo.
    Non lamentarti per aver creduto negli oroscopi, che c'è ancora gente -siamo nel 2014!- che crede in un Dio e va a messa! XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente, nonostante i toni provocatori del Post sono un tollerante di natura. :-)

      Elimina
  2. No....
    Mai creduto.
    Ma ti dico la verità: finchè rimane qualcosa di innocuo, va anche bene.
    Quando inizia a buttarsi in maghi e ciarlatani: la cosa inizia a preoccuparmi!

    PS: quel Puffo lo avevo anch'io!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero tu non abbia avuto l' ardire di dargli un nome come il sottoscritto.
      Io se ci ripenso, non so se ridere o deprimermi per l' assurdità della cosa. :-P

      Elimina
  3. Ciao Pirkaf, la penso esattamente come Miki, pensa che anche io da piccolo credevo in queste cose e sopratutto in Dio xD. Adesso lui ti può confermare il mio stato attuale di credenziali :)
    Giobs94

    RispondiElimina
  4. simpatico il post e la tua scrittura è molto veloce e mirata...
    sono razionalissima come te, ma stata superstiziosa , anche se qualche volta guardo le nuvole e mi piace sapere che ci sia molto da conoscere e l'emozione vera la si ha proprio quando osservi curioso ogni cosa...sei tornato alla grande a scrivere, eh? un abbraccio Egle

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Egle, ricambio l' abbraccio. :-)

      Elimina