sabato 24 agosto 2013

Cose belle ed andate perdute dell' Internet / NoPay

Pochi si ricorderanno del primo Provider Internet totalmente gratuito alias NoPay.
Non so nemmeno come lo conobbi all' epoca, non escludo di averne letto su qualche rivista come Computer Idea, ma fatto sta che fu il vero protagonista delle mie sessioni Online del primo scorcio del nuovo millennio.
Egli in cambio di un piccolo Banner pubblicitario ( che comunque potevi ridurre ad icona o mandare sottoschermo) ti offriva due ore di connessione gratuita.
Due ore, cazzo.
Per me era il massimo, era manna dal cielo.
Prendere la linea era un' impresa, ma quando ci riuscivi era come avere un orgasmo o come quando la tua squadra segna il Gol della vittoria in pieno recupero.
All' epoca si viaggiava a 56 K e un ' ora di Internet mi costava mediamente 2.200 £ o giù di lì, le bollette venivano controllate meticolosamente dai miei genitori ed anche da mio fratello, collegarmi ad Internet era un rischio, una sessione di Roulette Russa ( senza dimenticare il rischio di beccare qualche Dialer).
E' per questo che perseveravo, perseveravo anche per ore pur di prendere la linea e di collegarmi a questo benedetto NoPay.
Non che all' epoca su Internet facessi chissà che, ricordo che in quel breve periodo probabilmente la mia massima aspirazione era beccare qualche foto porno, qualche informazione su Juventus, Reggina e libri di Stephen King e gettarmi a capofitto nelle Chat.
Vivevo per le Chat, in effetti.
Anche mio fratello ne usufruiva, ormai avevamo anche sgamato gli orari in cui potevamo prendere più facilmente la linea e mio fratello pur di scaricarsi gli episodi di anime che all' epoca gli interessavano si alzava alle 06:00 di mattina, ora in cui eri praticamente certo di avere l' accesso.
La mattina così come il primissimo pomeriggio, erano i momenti in cui coltivavi speranze di poterti collegare, gli altri orari erano una battaglia praticamente persa.
Ho tanti ricordi di NoPay, probabilmente molte delle scoperte di quegli anni, molti dei miei primi passi Internettiani, sono stati mossi grazie alla scoperta di questo Provider.
Provider che è durato pochissimo, ma che mi è rimasto nel cuore.
Tante cose sono cambiate in questi anni, ormai Internet per quanto sia vasto diciamo che di novità offre poco o nulla, mentre all' epoca solo l' apertura della pagina di Iol e lo spazio vuoto nel motore di ricerca Arianna, ti dava l' idea di stare veramente per navigare in uno spazio infinito e sconosciuto.
Le cose belle durano sempre troppo poco, e tu NoPay lo sei stato. :-(

 

10 commenti:

  1. Non ricordo affatto questo NoPay anche se il logo non mi risulta nuovo...
    ...ma mi hai fatto tornare in mente i bei tempi degli albori di internet... mamma mia...

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Feci pubblicità tra i miei amici, ma in effetti erano davvero in pochi a conoscere questo Provider, anche se quando mi capitava di Chattare usandolo, molti riconoscevano la connessione ( risultava grazie ad un' apposita funzione del Mirc che permetteva di sapere alcuni dati della connessione) e mi dicevano che avevo un culo della Madonna per riuscire a connettermi. :P
      Comunque bei tempi, quelli degli inizi, ogni cosa era una scoperta. :-)

      Elimina
    2. E' vero...!
      La funzione mIRC la ricordo anche io... ahaha! Ti appariva una sorta di popup con tutti i dati!

      Una volta ricordo che per scaricare una OPENING di un cartoon (DURATA: 1minuto) ci misi giornate intere (era divisa IN SEI PARTI!)

      Moz-

      Elimina
  2. Quell'internet che descrivi io lo conoscevo benissimo.
    All'epoca avevo un 56k: potevo connettermi dalle 18 fino alle 06 del mattino.
    Era un internet rozzo, ma forse più genuino...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I miei amici avevano la tua stessa connessione, beati loro / tu.
      Io per collegarmi dovevo farlo di nascosto, con la totale certezza però di essere scoperto, perchè nella bolletta i miei si erano fatti inserire la cronologia delle chiamate effettuate a causa di mio fratello che aveva una storia a distanza, quindi ogni mio collegamento ( o di mio fratello ) era bello stampato in bolletta, per questo cercavo qualsiasi escamotage per potermi collegare gratis, e benedico NoPay. :-)
      Certamente era un Internet più rozzo e genuino e poi eravamo davvero in pochi, si stava più larghi. :-)

      Elimina
    2. Vero!
      Ricordo che usavo internet per cercare informazioni su come finire pokèmon rosso!
      Sui siti porno non ci andavo, avevo paura che mi facessero pagare gli extra :)

      Elimina
  3. Me lo sono perso...sono relativamente nuova del mondo internettiano. ^_^

    Claudia

    RispondiElimina
  4. In effetti è durata poco, sarebbe stato troppo bello.
    In un certo qual modo, No Pay può essere definito un antenato del Wi Fi. :-)
    Grazie della visita Claudia. ;-)

    RispondiElimina
  5. Lo conoscevo benissimo Nopay... Il bannerino in realtà era spostabile... e c'é chi dice che fosse possibile restare sempre connessi... Ricordo anche le telefonate gratis con Picus (anche lì c'era un trucco, per telefonare quanto tempo si voleva... bastava bloccare il contatore... e dovrei avere ancora lo script per farlo!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Picus in effetti mi è sfuggito, il massimo che facevo all'epoca in termini di telefonia era inviare SMS gratis tramite quei siti che ne offrivano la possibilità.
      Grazie per la visita. :-)

      Elimina